Una favola dal mare

Oliver guardò l’orizzonte e si rese conto che era proprio arrivato settembre: vento freddo e mare in bianco e nero. Sembrava strano dire ciao all’estate perché era stata quasi tutta grigia, con qualche sprazzo sporadico di azzurro e di luce. Vabbé, pensò, l’importante è che sia stata comunque una bella estate, divertente, musicale, anche romantica, del resto quando si trascorrono giornate piene e appaganti non è necessario che ci sia sempre il sole. E poi, per un surfista come lui, il fatto che Madre Natura gli avesse regalato mattinate di vento e di onde altissime era già abbastanza.

Chiuse gli occhi e respirò per l’ennesima volta quell’aria quasi autunnale dall’odore salmastro: trasse un respiro profondo, come era solito fare tutte le volte che si apprestava ad affrontare le onde con la tavola, una sorta di rito propiziatorio che lo aiutava a rilassarsi e a non pensare a niente, e a cancellare almeno per un momento il ricordo del suo migliore amico morto due anni prima a pochi metri da lui proprio mentre stavano surfando.

Era bastato un attimo di distrazione, e un mare troppo agitato anche per due esperti delle  onde come loro si era rivelato fatale per quel ragazzo forse eccessivamente incosciente che, rimasto tramortito dalla sua stessa tavola, era sparito risucchiato da un vortice: dopo due giorni di inutili ricerche il mare lo aveva restituito alla sua famiglia con la stessa cattiveria con cui glielo aveva sottratto, e il suo corpo senza vita era stato ritrovato da Oliver proprio sulla spiaggia da cui erano partiti in quel mattino maledetto sfidandosi e insultandosi scherzosamente l’un l’altro.

Oliver pensò che era la prima volta che tornava ad affrontare il mare nello stesso luogo in cui il suo amico aveva perso la vita, e gli sembrò di sentirne la voce nell’aria. Freddy era un pazzo. Affrontava le onde sempre come se fosse l’ultima volta, temerario, incazzato, adrenalinico e affamato di sensazioni forti. Oliver era come lui, ma gli mancava quel pizzico di follia con cui Freddy si lanciava in acqua, caratteristica che gli aveva sempre invidiato, ma che dopo quella giornata maledetta era stato felice di non avere avuto mai…

VI PIACE QUESTA STORIA? Per leggerla per intero, andate su Amazon!

UNA FAVOLA DAL MARE – di Raffaella Legname

E-book € 0,89

GRATIS PER GLI ISCRITTI A KINDLE UNLIMITED

Se poi ne avete voglia, lasciate pure una recensione! Grazie!

4 pensieri riguardo “Una favola dal mare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...