‘A FESTA D’I CORNUTI


“Se Quarche vorta a Roma quarcheduno
T’ha detto che c’hai ‘n cesto de lumache
Nun è che sei malato, sarvognuno,
Porti le corna e te l’hanno svelate.

Ce stanno tanti modi pe’ illustra’ ‘sta condizione:
te ponno da’ der cervo, der becco, der muflone,
quarcuno te dirà “Frate’ c’hai n’ peso ‘n testa”,
ma sempre corna so’, ‘a storia è solo questa.

Pe’ tanta gente, poi, ormai so’ un ornamento:
se ‘e porti e ce lo sai, sei cornuto ma contento.
S’ invece nun cio’ sai, ma ‘o sa tutta ‘a nazione,
sei l’urtimo a sapello, accetta ‘a situazione.

Oggi ch’ è San Martino, festeggeremo insieme,
perché purtroppo ‘e corna nun fanno distinzione,
de sesso, età, politica, etnia o religione,

Quindi famo ‘n ber brindisi a sti du’ bozzi ‘n testa,
che prima o poi cornuti ce diventamo tutti,
basta esse’ consapevoli e celebbra’ ‘sta festa.”

(Raffaella Legname ©2020)

Un pensiero riguardo “‘A FESTA D’I CORNUTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...